Nel poker all'italiana si gioca con 5 carte coperte personali per ogni giocatori. Differisce dagli altri giochi di poker per la diversa composizione del mazzo a seconda dei partecipanti del tavolo e dalle sequenze delle puntate. I giocatori ammessi al tavolo variano da 4 a 6 e il numero di carte cambia da 32 a 40:

6 giocatori: 40 carte, dal 5 all'asso

5 giocatori: 36 carte, dal 6 all'asso

4 giocatori: 32 carte, dal 7 all'asso

Regole principali

Nel poker all'italiana non esistono due bui come nel texas hold'em ma l'ingresso è pagato da tutti ogni mano prima della distribuzione delle carte per cui i giocatori sono costretti a pagare ogni turno un ammontare minimo. Vi è poi la regola tacita e comune che il mazziere di turno metta un ingresso leggermente superiore agli altri giocatori. Assegnate le carte si parte con il primo giro di puntate che deve essere obbligatorio come rilancio al primo giocatore che ha l'apertura cioè almeno una coppia vestita in mano (J-J, Q-Q, K-K, A-A) oppure 4/5 di scala reale oppure la cosidetta apertura al buio, cioè un giocatore non guarda le carte e apre mettendo il doppio del piatto.

La particolarità del poker all'italiana è che si possono cambiare le carte da un minimo di 1 a un massimo di 4 carte oppure non si cambiano le carte e si ha la mano servita. Cambiate le carte si parte con il secondo e ultimo giro di puntate e si arriva allo showdown finale.

Le fasi del gioco

- Ingresso: ogni giocatore paga un ante, in genere il mazziere paga un ante maggiore

- Distribuzione delle carte: sono distribuite 5 carte ad ogni giocatore

- Primo giro di puntate: il giocatore che ha l'apertura è obblicato ad aprire e scommettere, di seguito eventuali rilanci o lasciate

- Seconda distribuzione delle carte: ogni giocatore ha la possibilità di cambiare da 1 a 4 carte che ha in mano

- Secondo giro di puntate: il giocatore che ha aperto è il primo che parla e in sequenza tutti prendono la parola

- Showdown: scopertura delle mani tra i giocatori in gioco e proclamazione del vincitore

Le mosse del gioco

- Puntare, cioè la scommessa del primo che parla

- Chiamare, cioè coprire la scommessa di chi ha puntato

- Rilanciare, cioè aumentare la scommessa fatta da un altro giocatore

- Lasciare, uscire dal gioco delle scommesse della mano

- Bussare, o fare "cheap" significa puntare zero

- Parola, è un termine che si usa per dire che si è disposti a lasciare il piatto e ricominciare una nuova mano, se tutti dicono parola si ricomincia una nuova mano con quel piatto

I punti del poker all'italiana sono i classici punti del poker ad eccezione del colore che vale più del full house dato il numero ridotto di carte con cui si gioca.

Varianti del poker all'italiana

Le varianti del poker all'italiana sono davvero numerose in quanto ogni città e zona d'italia usa delle varianti particolari e personalizzate, anche se la più famosa si chiama Telesina o Tersina che riprende lo Stud Poker Americano. Ci sono talmente tanti nomi che lo stato italiano per proibire qualsiasi versione della telesina ha enunciato nelle leggi tutti i nomi possibili di questo gioco.

Le varianti e i nomi della telesina

La telesina è forse il gioco di carte con il più alto numero di varianti che prendono nomi diversi a seconda di come si gioca, ne citiamo solo alcuni:

- Telesina a carte coperte (o Telesina Messicana)

- Telesina con la Vela

- Telesina con le matte

- Batticuore (o Brivido)

- Siluro

- Ascensore

- Belli e Brutti

- Telesina Brianza

La Teresina ha le stesse regole del poker all'italiana come composizione dei mazzi, la particolarita del gioco è che pian piano che ci sono i giri di scommesse le carte personali di un giocatore vengono scoperte fino a tenere l'ultima carta coperta. L'emozione di questo gioco è davvero grande soprattutto alla fine quando rimane l'ultima carta coperta. Un'altra particolarità è che si gioca pot limited cioè con puntate di valore standard e limite nei rilanci, ma anche qui ogni popolo italiano gioca secondo le sue regole e le sue varianti.

Le fasi del gioco

- Ingresso, pagamento degli ante o bui

- Distribuzione delle carte, sono distribuite 5 carte di cui una scoperta ( 4 coperte, 1 scoperta )

- Primo giro di puntate, inizia a parlare il giocatore con la carta maggiore

- Scopertura carta, ogni giocatore scopre una carta ( 3 coperte, 2 scoperte )

- Secondo giro di puntate, inizia a parlare il giocatore con la combinazione maggiore

- Scopertura carta, ogni giocatore scopre una carta ( 2 coperte, 3 scoperte )

- Terzo giro di puntate, inizia a parlare il giocatore con la combinazione maggiore

- Scopertura ultima carta, ogni giocatore scopre una carta ( 4 coperte, 1 scoperte )

- Ultimo giro di puntate, inizia a parlare il giocatore con la combinazione maggiore

- Showdown

Una variante davvero emozionante e piena di astuzia, dove i vari comportamenti dei giocatori sono atti a mettere in pratica una strategia di gioco predefinita per arrivare a vincere la mano. E' importante capire sempre le probabilità che un giocatore possa avere un punto superiore al tuo, il sistema di scopertura delle carte facilità il calcolo di queste probabilità.

Cosa vedere? Prima di tutto capire quali carte possono battere il tuo punto e poi calcolare la probabilità che quel giocatore possa avere una di quelle carte, controllando dapprima se ci sono carte in giro tra le tue e quelle scoperte, calcolare le carte rimanenti e fare la percentuale.